La coesione con tutto

L'amore è unità, unità senza alcuna divisione. L'amore esiste solo così, non esiste in astratto, in teoria, non è un'idea.  E' piuttosto l'espressione dell'idea quando incontriamo qualcuno.  E' la radiazione calma, serena, unificata della coscienza che non risente più né attrazione né repulsione, le quali fanno nascere violenti turbini d'energia, che da un lato consumano l'essere con le passioni e dall'altro l'intristiscono sotto l'influsso glaciale dell'antipatia.   L'amore rende mite. Non v'è più né ricerca dell'errore né accusa, perché il destino e gli avvenimenti sono percepiti come la conseguenza logica d'atti anteriori - il cui conto è presentato - che offrono però contemporaneamente la possibilità d'un nuovo inizio. Davanti a questa legge di grazia noi diveniamo silenziosi.   Vediamo, percepiamo e sentiamo i rapporti di tutto con tutto, di tutti con tutti.  Davanti alla grandiosa coesione dell'Universo non si può far altro che restare silenzio...
Read More

Non-fare

L'allievo riesce a provare qualcosa di un'altra realtà di vita solo allorquando comincia a comprendere un po' le leggi che reggono la trama della sua vita attuale. Questa possibilità non si basa allora su un sublime pensiero suggeritogli dalla Scuola Spirituale, ma è la vita stessa a insegnarglielo.   Quando la personalità-ego non ragiona più, ma si pone nella vita stessa, si lascia vivere dalla vita, allora comincia a sapere. La sua coscienza nella materia si sposta lentamente verso la "causa" della sua esistenza, e immediatamente e intensamente l'allievo risale il filo delle conseguenze fino alla causa. E cosa scopre allora? Che l'intera vita dell'uomo è fatta delle sue idee sulla vita.   Questa convinzione è onnipresente: essa possiede la forza di dare forma alla vita dialettica secondo la sua idea. La nostra situazione personale attuale risulta dunque dalla nostra convinzione anteriore che agisce come una forza. Noi non ne eravamo ancora coscienti, poiché...
Read More

Catari, Mistici, Rosacroce – Messaggeri della Gnosi

[caption id="attachment_13" align="alignleft" width="300"] Montségur[/caption] La storia dello Gnosticismo dal VII° secolo a oggi è collegata a movimenti quali i Bogomili, i Manichei e i Catari, e a personaggi come Meister Eckhart e Jakob Böhme. Anche i Rosacroce del Lectorium Rosicrucianum si collocano nella tradizione gnostica.
Gli gnostici sono caratterizzati dalla loro aspirazione al Regno della Luce. Si possono trovare nei movimenti gnostici di tutte le epoche e anche in singoli individui, che sono diventati messaggeri della realtà divina attraverso la loro vita di servizio.  

Lo Gnosticismo nei secoli dal VII° al XIII°

Nel VII° secolo, i Pauliciani vissero e operarono nell’Impero Romano d’Oriente. Rifiutarono ogni forma di gerarchia costituita, poiché questa avrebbe limitato l’esperienza interiore della verità. Verso la fine dell’XI° secolo, centinaia di migliaia di Pauliciani – così come i Manichei – furono uccisi dalla Chiesa Ortodossa ...
Read More